versocamelot

L’esito di un piacevole mestiere televisivo che, di anno in anno, ha assistito alla propria maturazione, prodotta dall’Associazione no-profit Diventeranno Famosi, progredendo da semplice occasione di dibattito.

– Alla ricerca di Camelot – ad una realtà sempre più vicina e coinvolgente – Verso Camelot –, promotrice ed artefice di importanti progetti, quale “La fabbrica dei sogni”, una scuola di spettacolo per ragazzi disabili e, ancora, ad una trasmissione itinerante non più limitata alla sola trattazione del sociale o del disagio ma anche ad aspetti altrettanto interessanti, quali l’editoria, la cultura e lo spettacolo, Verso Camelot Show e, infine, ad un’iniziativa intenta ad imporsi non solo a livello locale ma anche nazionale ed europeo, Camelot. Il titolo della trasmissione, fa pensare ai mitici cavalieri della tavola rotonda di Rè Artù, ed in particolar modo ai valori di uguaglianza, di giustizia e di fratellanza che leggendari personaggi difendevano rischiando la propria vita. Ma, se si può dubitare, senza nuocere ad alcuno, sull’esistenza di un remoto passato arturiano, è ingiusto, anzi, disumano, ignorare una realtà tanto evidente e a tutti, direttamente o indirettamente, così vicina, come il “disagio, la disabilità, i problemi alcolcorrelati, i minori a rischio, il disagio in genere”. Lo scopo di questa trasmissione, infatti, è proprio quello di accantonare il pregiudizio che esiste nei confronti dei “disagiati”, di conoscere la loro effettiva realtà, di incoraggiarne e stimolarne le potenzialità, di sensibilizzare l’opinione comune nei confronti di persone “meno fortunate” di noi, di realizzare un collegamento diretto tra le istituzioni, le famiglie e le associazioni, di trasmettere un messaggio concreto alle autorità politiche. La trasmissione non è finalizzata ad una semplice esplicazione dei problemi sociali,ma anche ad un suo concreto intervento per la risoluzione degli stessi, al punto da potersi definire “un sociale che fa sociale” .

TV – STAMPA – INTERNET

 Ad oggi Camelot è sulle seguenti emittenti televisive:OASI TV (canale 848 sky) satellitare con bacino Europeo- Nord africa e Medioriente, Calabria TV, Rete Azzurra e TeleJonio.
E’ Stato trasmesso da: Telespazio Calabria, che trasmette oltre che in Calabria anche in Sicilia ed in Basilicata;Viva VoceTV, zona Tirrenica calabrese, Telejonio zona jonica calabresee Rete Kalabria, provincia di Vibo Valentia. Nel 2003 Camelot è stato trasmesso dal canale satellitare Liguria Sat. Dall’anno 2002, Camelot è approdata anche sulla stampa, allo scopo di ampliare il canale di informazione televisiva e soprattutto di esprimere pareri in merito ai temi trattati nelle diverse puntate.
Si è occupato della trasmissione  “Il quotidiano della Calabria” dedicando un’ articolo a puntata e “Il Domani della Calabria”.

ARGOMENTI TRATTATI

Sono diversi e tutti particolarmente interessanti gli argomenti affrontati in sede televisiva. Si è tentato di fornire ai diretti interessati utili informazioni riguardo le leggi, le associazioni, le strutture, le attività e le iniziative orientate a migliorare le loro condizioni di vita. Dall’anno 2001 all’attuale 2004 i temi “intavolati” hanno riguardato il recupero, la prevenzione, il disagio, la sanità, il reinserimento lavorativo dei disagiati con particolare riguardo ai soggetti con problemi alcol correlati, “l’operazione SOS”, il connubio tra mondo del sociale e mondo dello spettacolo, la famiglia, la sicurezza nelle scuole, le droghe sintetiche,“Telethon”, la giustizia minorile, l’Unicef, l’alcolismo, la legalità, la democrazia e l’illegalità, il rapporto tra la politica e i giovani, la donazione di organi, la figura del “nonno”, la tossicodipendenza, il disagio giovanile, la solidarietà, la devianza giovanile, il confronto tra la tv tradizionale e la tv moderna, la giustizia italiana. Ogni puntataè stata supportata dall’intervento di rappresentanti delle istituzioni, da operatori del settore, da utenti, al fine di far scaturire, dal dibattito e dal confronto, risultati raggiunti eproposte orientate al miglioramento di percorsi già intrapresi o di attività innovative.

Patrocini

     Parlamento Europeo ufficio per l’italia -Regione Calabria
     Provincia e Comune di Catanzaro.

     A Sanremo nel 2005 Camelot ha ricevuto in occasione
dell’ imponente
Global Educational Festival l’Oscar dell’Educazione.

GLI SBOCCHI SUL PIANO EUROPEO

Un altro obiettivo di Camelot è quello di istituire un contatto diretto tra le diverse realtà del sociale, nella nascita di gemellaggi tra le associazioni che operano a livello europeo, allo scopo di trarre, attraverso costruttivi confronti, scambi e vantaggi reciproci. Tra l’altro, questa crescita culturale e sociale della trasmissione è stata accompagnata anche da una programmazione più ricca e interessante, comprendente nuove rubriche, (“La giustizia di tutti” in collaborazione con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro, “Fondazione Telethon”, “Sicurezza per tutti”) e una maggiore partecipazione dei ragazzi della “Fabbrica dei sogni”, impegnati in tour e in innumerevoli attività. Tutto ciò al fine di consolidare la nostra realtà, il connubio sociale-spettacolo e di allargare il nostro target ad associazioni che operino a livello europeo.